Discover What the World Thinks of U.S.

Americans Are Convinced They Are Being Governed by the Deep State

The bulk of the American public believes that the United States government is involved in mass surveillance of its own citizens.

<--

Gli americani sono convinti

che a governare sia il Deep State

Un recente sondaggio realizzato dalla Monmouth University, nel New Jersey, svela un particolare interessante dell’opinione pubblica americana: la maggioranza dell’elettorato crede che chi governa realmente il Paese sia lo Stato profondo, il cosiddetto deep State.

Sei americani su 10 ritengono che i funzionari governativi non eletti o nominati abbiano troppa influenza nel determinare la politica federale. Solo il 26% afferma che esiste un giusto equilibrio tra i funzionari eletti e quelli non eletti nel determinare la politica. Ed è un’idea abbastanza condivisa dalla maggioranza dei democratici, dei repubblicani e degli indipendenti.

“Di solito ci aspettiamo che le opinioni sull’operato del governo cambino a seconda della parte responsabile. Ma c’è una sensazione inquietante da parte sia dei democratici sia dei repubblicani che uno “Stato profondo” di agenti non eletti che stanno muovendo le leve del potere “, ha affermato Patrick Murray, direttore del Monning University Polling Institute.

C’è un dato interessante. Quelli che conoscono il termine “deep State” sono pochi, non raggiungendo neanche il 25 per cento degli interrogati. Ma quando il termine gli viene descritto “come un gruppo di funzionari governativi e militari non eletti che segretamente manipolano o dirigono la politica nazionale”, i tre quarti degli interrogati affermano di credere che questo tipo di apparato esista effettivamente a Washington e che abbia un potere reale. Solo 1 su 5 afferma che non esiste o che ci crede poco. I repubblicani e gli indipendenti sono i più convinti dell’esistenza di questo Stato profondo.

La questione è molto interessante anche perché si collega a una preoccupazione abbastanza diffusa da parte dell’elettorato che è quella della lesione della privacy da parte dello Stato. Esiste uno Stato profondo che non si può controllare ed esiste un monitoraggio da parte di questi apparati.

La maggioranza del pubblico americano crede che il governo degli Stati Uniti si impegni in un monitoraggio diffuso dei propri cittadini. Poco più della metà della popolazione è molto preoccupata (23%) o un po’ preoccupata (30%) del fatto che il governo Usa monitori la sua attività e invada la sua privacy. Solo il 22 per cento non è preoccupato da questo fenomeno. Ma pur non essendo tutti preoccupati allo stesso modo, otto americani su 10 ritengono che il governo degli Stati Uniti attualmente monitorizzi o spii le attività dei cittadini americani,

“Questa è una constatazione preoccupante. La forza del nostro governo dipende dalla fiducia pubblica nel proteggere le nostre libertà, e questa non è particolarmente solida. E non è un problema democratico o repubblicano. Queste preoccupazioni abbracciano l’intero arco politico“, ricorda Murray.

Da un punto di vista politico, questo sondaggio può esser eletto anche mettendolo a confronto con l’elezione di Donald Trump. Il concetto di “Stato profondo” è entrato prepotentemente nel dibattito politico nazionale durante le elezioni presidenziali del 2016. The Donald lo ha spesso usato espressamente per attaccare le agenzie governative che, a suo giudizio, non hanno indagato completamente alla sua rivale democratica Hillary Clinton. E da quando è stato eletto, Trump ha sostenuto che questo Stato profondo, che a suo dire coinvolge il dipartimento di Giustizia, le agenzie federali, l’ex presidente Barack Obama e la Clinton, mira a delegittimare il suo mandato colpendo i suoi obiettivi politici. Sembra che gli americani, in fondo, ne siano convinti anche loro.







Leave a comment